Piz d’Olda

Piz d’Olda (Valcamonica)

Le uscite che programma Stefano hanno due caratteristiche ricorrenti: la prima è che sono sempre stupende, la seconda è che la notte precedente mi tolgono il sonno, mi agitano.
Detto questo vi descrivo brevemente l’ultima.

Assonnato raggiungo in autobus casa del mio amico, partiamo alle 7.15 in direzione  Valcamonica per raggiungere l’assolato  paese di Cevo.  Seguiamo le indicazioni  per la Pineta. In caso di neve abbondante l’escursione parte dal parcheggio antistante la Pineta, diversamente si può azzardare una risalita  sulla  carrozzabile che porta ai fienili di Musna (cartello) e fagocitare un paio di centinaia di metri di dislivello nel bosco. Arrivati, a piedi, ai fienili indossiamo le ciaspole e seguiamo le indicazioni per malga Corti e successivamente per malga Aret, comunque teniamo sempre la direzione verso la cresta Ovest già ben visibile. Alcuni paletti aiutano a non perdere la direzione. Risaliamo  una lunga lingua di terra maltrattata e battuta dalle valanghe  apprezzando  la sicura presa delle ciaspole  sul terreno morbido e ripido che per primo si libera del peso della neve  sotto la luce di Marzo.
Svettiamo in cresta e l’ambiente assume un aspetto più invernale, il sole sembra meno aggressivo, un veloce spuntino e ripartiamo. Il Piz d’Olda si nasconde dietro un lunga serie di saliscendi, caratterizzati da bellissime cornici di neve. La uniche tracce sono quelle di una lepre che sembra precederci e sfuggire ai nostri occhi,  in compenso beneficiamo della silenziosa  compagnia di una giovane aquila che volteggia sulle nostre teste.
Le ultime due risalite si caratterizzano per l’abbondante massa nevosa che precede la vetta. Panorama mozzafiato  che spazia dalla Marmolada alle alpi Orobie, dal gruppo del Bernina all’Adamello. Ci sediamo sulla neve e ci rifocilliamo, fantastico.   Per non ficcarci nei guai decidiamo di scendere per la via di salita. La discesa richiede una buona riserva di energia,  sempre ripida,  sempre in frenata, mai sciolta.
Dislivello complessivo all’incirca 1400 metri.

(tutte le foto)

Mario e Stefano

Piz d’Oldaultima modifica: 2011-03-05T14:27:00+00:00da this-livello
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento