L’è ‘na voya del destin: Fradusta

“L’è ‘na voya del destin, disse il vecchio. A quest’ora, dalla grotte del loro altopiano, le Comèlles salgono sul campo ghiacciato della Fradusta e scherzano con la ragione degli uomini; molti,che ora ragionano come noi, domattina avranno perduto la mente, ed il loro spirito sarà nella notte”; così recita la leggenda, che Carlo Felice Wolff ebbe la fortuna di raccogliere dalle poche ed ultime parole dei testimoni che portavano a noi i brandelli storici di una tradizione orale che, a detta di Giuliano Palmeri, risaliva addirittura ai tempi delle notti paleolitiche. E non è difficile immaginare cacciatori di ogni era vagare sull’altopiano delle Pale di S.Martino (che non tutti sanno si chiama Altopiano delle Comelle, guarda caso), sperando di non essere colti dalla nebbia; perchè se così fosse stato, così come tuttora sarebbe, sarebbe oltremodo complicato tornare a casa a tempo debito. Persino Dino Buzzati si pensa abbia tratto dal medesimo altopiano l’ispirazione per il suo Deserto dei Tartari… Beh, la prima traccia della pazzia indotta dalle Comèlles è quella di partire da Brescia per fare, in giornata, una ciaspolata sulla Fradusta.

Anno misero di neve, quel 2012. Anche il personale a servizio della funivia per la Rosetta lo ammette, con rammarico. Ma ce n’è comunque a sufficienza per una gita da sogno.La gita in questione è pubblicata su molti libercoli che trattano ciaspole, perché in realtà non è né difficile né complessa. Ma, signori, come si fa a ridurre una simile cavalcata ad una sterile serie di “si va di qui, si va di là”? è oltremodo irrispettoso! Già dallo sbarco “lunare” dalla funivia sull’altopiano ti rendi conto di essere in un altro mondo. Le punte delle ciaspole “prendono” subito sulla neve crostosa, e man mano che ti inoltri verso la tua meta, hai d’intorno una rosa dei venti che si chiama Cimon della Pala, Vezzana, Pala di S.Martino, Fradusta e, un salto d’orizzonte più in là, Cima Pape, Agner, Civetta, Catinaccio. Dai, non puoi davvero ridurla a “vai di qui e vai di là”!

Con i migliori Giovanni e Mario della stagione, puntiamo alla Fradusta, sfilando sotto la Pala di S.Martino. Ha ragione Visentini: quel “Pala”, come a significare per antonomasia l’essenza di tutto il gruppo, è veramente un miracolo di natura barocca. Ma la neve dell’erta finale della Fradusta è fradicia, perché in ombra, ed allora un lungo traverso ci induce a ricondurci alla via normale. Ma mentre una rigola ghiacciata invoglia me ed il “Gioàn” ad una serpentina verso l’alto degna di Giancarlo Grassi, il Mario si incastra su una canala fradicia ed impossibile, che lo fa penare non poco. A dispetto delle Comèlles, Mario è un uomo bionico e ne esce con onore ma, a favore delle Comèlles, decidiamo che l’ora delle pazzie è finita e seguiamo, disciplinatamente, la cresta. E cavalchiamo la Val Canali… Appare il Sass d’Ortiga con il suo spigolo presuntuoso, i Vani Alti, la Croda Granda, appare la Cima di Lastei, la Manstorna e tutta la catena che dalla forcella delle Mughe va a perdersi verso il Cereda. E’ un trionfo di luce e pareti. Accucciati sulla cima, perdiamo il senso del tempo (ancora le Comèlles?). Ora del rientro, ci tocca. Ma non senza un ultimo colpo di testa ( e dagli con le Comèlles): saliamo alla Cima delle Scarpe, perchè voglio far vedere ai miei amici la fila di torri che fa da guardia alla via normale alla Pala di S. Martino; ed in discesa troviamo ancora la voglia di fare un traverso per ciaspolatori estremi prima di ricalarci, infine, sulle ultime tracce verso la partenza della funivia. Siamo sazi, siamo soddisfatti, siamo felici. Non serve altro. Fuori dalla funivia, una coppia di sposini in tenuta da passeggiata del sabato pomeriggio in via Montenapoleone, inquadra con l’iPad le ultime luci del tramonto: loro lo fotografano, noi lo metabolizziamo. Togliamo con semplice enfasi le ciaspole, ci starebbe bene un effetto al rallentatore come nel Gladiatore di Ridley Scott… Al Col Verde una sana birra , giusto per elencare quali potrebbero essere le prossime gite; troppe, per una vita sola. E se le Comèlles avessero davvero svolto il loro compito, non imboccheremmo ancora la via per il Passo Rolle, e poi Egna/Ora e poi casa … (tutte le foto)

 

L’è ‘na voya del destin: Fradustaultima modifica: 2014-10-27T21:45:13+00:00da this-livello
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento